Monte Moncayo

Nome del percorso e descrizione

Livello e scala di difficoltà escursionistica

E (Per maggiori info sui gradi utilizzati per l’escursionismo clicca qui).

Durata

3,05 ore

Distanza

6,8 km

Punti ristoro acqua

All’inizio del sentiero ci sono due fonti

RIFUGI

Santuario e un rifugio a tetto aperto in pietra in cima alla montagna

Periodo migliore per l'escursione

tutto l’anno, Tuttavia, in inverno è necessario avere l’attrezzatura da neve. Il periodo migliore per percorrere il sentiero va da metà giugno a metà settembre.

CLIMA

La montagna è nota per il suo clima mutevole, quindi è molto importante controllare regolarmente le previsioni del tempo. Generalmente, la temperatura varia da 0 °C a 29 °C e raramente scende sotto i -4 °C o sale sopra i 34 °C.

Come raggiungere il punto di partenza

Da Saragozza si prende la N-323 in direzione Logroño (o l’autostrada AP-68). Poi si prende la N-122 in direzione Soria e, dopo aver superato Bulbuente, si imbocca la strada Z-372 in direzione Vera de Moncayo e da lì si può passare per il Monastero di Veruela o per Trasmoz. Il parcheggio del Santuario si trova a 1562 m.

Attrezzatura e abbigliamento necessari

Da Saragozza si prende la N-323 in direzione Logroño (o l’autostrada AP-68). Poi si prende la N-122 in direzione Soria e, dopo aver superato Bulbuente, si imbocca la strada Z-372 in direzione Vera de Moncayo e da lì si può passare per il Monastero di Veruela o per Trasmoz. Il parcheggio del Santuario si trova a 1562 m.

Download file: MONCAYO DESDE SANTUARIO- RUTA CIRCULAR.gpx
Il Moncayo o San Miguel è una montagna del sistema iberico situata tra le province di Saragozza (Aragona) e Soria (Castiglia e León) in Spagna. Con i suoi 2314 m s.l.m., è la vetta più alta del sistema iberico e una delle cime più importanti della Penisola iberica, nonché la vetta più alta di entrambe le province di Saragozza e Soria. Parte della montagna, sul versante aragonese, fa parte del Parco naturale del Moncayo, che si estende su una superficie di 11 144 ettari.

Sul versante aragonese della montagna si trova il Santuario di Nuestra Señora del Moncayo (punto di partenza), e nelle vicinanze si trova il monastero di Veruela, del XII secolo, che ha ispirato Gustavo Adolfo Bécquer (poeta spagnolo) a comporre “Lettere dalla mia cella”. Sul versante di Soria, Antonio Machado ha fatto vaghi riferimenti a Moncayo nella raccolta di poesie “Campos de Castilla”.

  • Monastero di Veruela. Uno dei monasteri meglio conservati del XII secolo.
  • Villaggio di Añon de Moncayo.
  • Il castello di Tarrazona e le leggende legate alle streghe.
  • Camini della zona

Le pesche al vino sono un piatto tradizionale spagnolo originario dell’Aragona, dove la popolazione coltiva fin dal Medioevo un tipo di pesca a polpa gialla dal sapore dolce.

Anche il pollo al chilindrón è un piatto tradizionale spagnolo originario dell’Aragona. Si prepara con una combinazione di pollo, cipolle, peperoni, aglio, olio d’oliva, vino bianco, salsa di pomodoro, pimentón (paprika dolce affumicata) e prosciutto (jamón Serrano) tagliato a dadini.

Ci sono molte case rurali e hotel disponibili a Vera de Moncayo o Añon de Moncayo.

Villa Encanto

Cuenta La Leyenda

Casa Rural La Quinta

Monastero di Veruela: il monastero e la chiesa, che formano un unico edificio, furono fondati nel 1146 da Pedro de Atarés. Il poeta e scrittore Gustavo Adolfo Bécquer vi soggiornò durante la convalescenza da una malattia. Il monastero è molto ben conservato e negli ultimi anni è stato utilizzato come centro culturale per mostre e festival musicali.

Link utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *