Sentiero Vale de Lobo

Nome del percorso e descrizione

Livello e scala di difficoltà escursionistica

T (Per maggiori info sui gradi utilizzati per l’escursionismo clicca qui).

Durata

2 ore e 30 minuti

Distanza

8,6 km

Punti ristoro acqua

abitato di Vale Madeiro

RIFUGI

None

Periodo migliore per l'escursione

Primavera e Autunno

CLIMA

estati torride e inverni rigidi

Come raggiungere il punto di partenza

l’abitato di Vale de Lobo

Attrezzatura e abbigliamento necessari

Scarpe da escursionismo, zaino, calze per lo sport, giacca impermeabile, eventuali farmaci per esigenze personali, crema per protezione solare UV, repellente per insetti. Panino e snacks (compreso qualche riserva per eventuali emergenze), sacchetto di plastica per i rifiuti, borraccia, occhiali da sole, binocolo, fotocamera. In estate la regione presenta temperature elevate e questo obbliga a portare con sé acqua a sufficienza e ad indossare abiti freschi
Download file: Valle do Lobo.gpx

Raccomandazioni:

  • Fare attenzione e percorrere i sentieri segnati
  • Osservare la fauna usando il binocolo
  • Rispettare la natura
  • Non gettare rifiuti
  • Rispettare le proprietà private
  • Non accendere fuochi
  • Non asportare esemplari di piante o di roccia
  • Siate gentili con gli abitanti del posto
Nella piazza pubblica di Vale de Lobo è possibile osservare un antico frantoio comunitario e la cappella dedicata alla Madonna del Rosario (Nossa Senhora do Rosário). Seguendo il sentiero in salita, si passa a 50 metri dalla chiesa principale di Vale de Lobo, che si consiglia di visitare. Si prosegue fino alla fine del villaggio e si imbocca la strada sterrata che porta verso la collina. Lì si possono apprezzare campi di ulivi ed altri campi agricoli che vengono coltivati ancora oggi: qui si possono vedere pascolare bovini da latte e capre. Fino a circa 60 anni fa, questo sentiero veniva percorso dagli abitanti del villaggio, che si recavano nella città di Mirandela.  

In occasione dei festeggiamenti in onore di N. Sra. do Amparo, alcune persone percorrevano il sentiero a piedi nudi portando un paio di scarpe e un panno in mano. Lo facevano per non rovinare le scarpe perché, a quel tempo, la maggior parte di loro aveva un solo paio di scarpe (zoccoli di legno o ciabatte), e c’era anche chi non ne aveva affatto. Quando arrivavano al villaggio di Mirandela, più precisamente a São Sebastião, si pulivano i piedi con il panno, indossavano le scarpe e partecipavano alla festa. Facevano questo percorso settimanalmente con gli asini carichi di legna da ardere che veniva venduta ai proprietari delle panetterie del villaggio.

  • Vecchio frantoio comunitario 
  • Cappella dellla Madonna del Rosario
  • (Nossa Senhora do Rosário)
  • Chiesa parrocchiale di Vale de Lobo
  • Il centro abitato di Romeu e
  • Quadraçal
  • Alheiras (una salsiccia tipica),
  • Vari prodotti tradizionali affumicati (fumeiro),
  • Olio di oliva (azeite),
  • Vini (vinhos).
Il Castello di Mirandela (portoghese: Castelo de Montalvão) è un castello medievale. Il castello, posto in ambito urmbno, è circondato da abitazioni, soprattutto nel quartiere inferiore, situato vicino al fiume Tua e al ponte e alla Rua da Republica. La maggior parte degli edifici che circondano i resti dell’antico castello sono a tre piani. Link utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *