Sentiero di Premužić

Nome del percorso e descrizione

Livello e scala di difficoltà escursionistica

E (Per maggiori info sui gradi utilizzati per l’escursionismo clicca qui).

Durata

8 ore circa

Distanza

16 km

Punti ristoro acqua

Non c’è acqua potabile lungo il sentiero – i rifugi Zavižan (44.8143, 14.9758) e Alan (44.7214, 14.9693) sono forniti di bevande, ma l’acqua deve essere portata con sé (o con il proprio mezzo di trasporto). A Zavižan, Oltari, Lubenovac e V. Alan c’è acqua piovana non trattata che non è consigliabile bere. Tuttavia, Štirovača ha accesso ad acqua potabile di alta qualità. 

RIFUGI

Sul sentiero tra Alan (44.7214, 14.9693) (contattare +385912016785 per il soggiorno), e Zavižan (44.8143, 14.9758) (+38553614209 o +385996749371 per il soggiorno), c’è un rifugio chiamato Rossi’s hut (44.7659, 14.9873), che è stato restaurato qualche anno fa. Può ospitare fino a otto persone alla volta.

Periodo migliore per l'escursione

Estate

clima

In primavera e in autunno, il sentiero di Premužić è percorribile, ma c’è la possibilità di neve e di forti temporali, che possono rendere l’escursione spiacevole e/o pericolosa. Poiché questa regione è la più fredda della Croazia ed è nota per i venti molto forti, si consiglia di procedere con cautela.

Come raggiungere il punto di partenza

Alan è facilmente raggiungibile in auto su una strada asfaltata dalla direzione di Jablanica o su una strada sterrata dalla direzione di Begovača. Il trasporto pubblico non è disponibile per questo sentiero, quindi è meglio organizzare il trasporto in auto. Si consiglia di arrivare al Rifugio Alan in auto e di tornare da Zavižan ad Alan con Dragec prijevoz (contatto: +385989126644, dragecprijevoz@gmail.com) -la ditta organizza trasferimenti al costo di 90-100 per un gruppo di massimo 8 persone.

Attrezzatura e abbigliamento necessari

Zaino adeguato, scarponi da montagna, acqua e cibo a sufficienza.

Download file: premuzic.gpx

*Partendo dal Rifugio Alan (44.7214, 14.9693), si imbocca un sentiero in salita che conduce a nord attraverso il bosco. Da qui parte il sentiero Premužić, che conduce attraverso i prati con vista sul mare. Questo percorso offre l’accesso più facile ai tratti più aspri e inaccessibili del Velebit settentrionale – Hajdučki e Rožanski Kukovi, eccezionali riserve carsiche. Tre ore e mezza di cammino conducono al rifugio Rossi (44.7659, 14.9873) sotto il kuk di Pasarić. Da questo sentiero è possibile raggiungere le vicine cime di Seravski vrh, Gromovača e Crikven: si tratta di tratti piuttosto brevi (30 minuti circa di cammino ciascuno), ma che si snodano su un terreno leggermente più impegnativo.

**Poiché non sono disponibili mezzi di trasporto pubblici, è fondamentale organizzare un trasporto individuale per il ritorno.

***Per l’accesso è necessario un biglietto obbligatorio (con uno sconto per gli alpinisti) e il rispetto delle regole di comportamento prescritte, poiché il sentiero attraversa il Parco nazionale del Velebit settentrionale.

Il sentiero di Premužić è un percorso di circa 57 chilometri su una delle catene montuose più imponenti della Croazia, il Velebit, che costituisce un confine naturale tra la Croazia continentale e quella mediterranea. Il percorso parte da Zavižan – una splendida località famosa per essere la più antica stazione meteorologica di alta quota della Croazia – e termina a Baške Oštarije, nel sud. Ci concentreremo sulla prima e più bella parte del sentiero di Premužić, quella che va da Alan (44.7214, 14.9693) a Zavižan (44.8143, 14.9758), con una lunghezza di 16 chilometri. Questo sentiero è unico in quanto relativamente facile e e si snoda in un terreno piuttosto impegnativo; serpeggia attraverso il Parco nazionale del Velebit settentrionale e le riserve naturali- Hajdučki kukovi e Rožanski kukovi, cime che superano i 1600 metri.

Il sentiero di Premužić è un meraviglioso mix di natura selvaggia e un sentiero di montagna costruito così abilmente da integrarsi perfettamente nell’ambiente naturale. L’idea è stata concepita dal dottor Ivan Krajač e il sentiero è stato costruito negli anni ’30 dall’ingegnere forestale Ante Premužić, utilizzando un vecchio metodo di muri a secco, evitando pendenze particolarmente difficili. Ancora più impressionante è il fatto che il sentiero sia stato costruito su un terreno estremamente difficile della catena montuosa del Velebit in soli quattro anni. Ivan Krajač, l’autore del sentiero, ha dichiarato che “chi in futuro verrà a camminare su questo bellissimo e comodo sentiero difficilmente potrà immaginare tutto il duro lavoro e la fatica che i primi pionieri hanno dovuto sopportare camminando su questo terreno difficile e senza alcuna traccia”.

Il sentiero attraversa il Parco nazionale del Velebit settentrionale, dove vi troverete circondati da stupefacenti formazioni carsiche Hajdučki e Rožanski kukovi.

Nel vicino villaggio di Krasno si può visitare la Chiesa di Madre Maria, un tempio cattolico della fine del XVIII secolo (44.8276, 15.0893). Krasno è anche l’unico posto in Croazia con un museo forestale (44.8203, 15.0705).

Nel vicino villaggio di Kuterevo si trova il Rifugio Velebit per giovani orsi (Velebitsko utočište za mlade medvjede – Kuterevo), un’iniziativa di intrapresa nel 2002 (44.8234, 15.1419).

Il già citato villaggio di Krasno è noto per la sua lunga tradizione di produzione di formaggio, per il quale viene utilizzato prevalentemente latte di mucca e di pecora. Gli abitanti organizzano persino un piccolo festival Dani sira (Giornate del formaggio), per promuovere la loro regione.  Anche se non vi trovate a Krasno, vi consigliamo di provare prodotti come il Krasnavski sir, disponibile nei negozi locali.

È possibile soggiornare nei rifugi Zavižan (44.8143, 14.9758) e Alan (44.7214, 14.9693). Verificate in anticipo la disponibilità dei rifugi e la presenza di acqua sufficiente chiamando uno dei contatti:

  • PD Zavižan: +38553614209
  • PD Alan +385912016785

Il rifugio Rossi si trova sul sentiero, circa a metà del percorso (44.7655, 14.9872). Si tratta di una vecchia struttura, costruita intorno al 1929 con materiali locali.

L’intero sentiero è stato rinnovato nel 2009 e d è stato riconosciuto come bene di importanza nazionale e culturale. Lungo  il percorso si possono trovare dei pannelli didattici.

L’area è abitata dal serpente europeo più velenoso: il poskok (vipera cornuta). Nonostante la sua reputazione, questa specie è letargica e non attacca senza essere provocata; tuttavia, si consiglia di fare attenzione perché può prendere il sole in aree rocciose come questa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *