Chiare, fresche e dolci acque: Sassovivo, Pale and Rasiglia

Nome del percorso e descrizione

Livello e scala di difficoltà escursionistica

E (Per maggiori info sui gradi utilizzati per l’escursionismo clicca qui).

Durata

6 ore

Distanza

15 km

Punti ristoro acqua

Pale – Ponte S.Lucia – Scopoli – Rasiglia 

RIFUGI

Nessuno

Periodo migliore per l'escursione

da Marzo a Novembre; Mesi consigliati: Maggio-Ottobre    

CLIMA

Avendo un clima mediterraneo, il clima umbro è leggermente freddo in inverno, gennaio è il mese più freddo. La zona delle cascate del Menotre (Pale) è umida e la superficie del terreno è scivolosa

Come raggiungere il punto di partenza

il percorso ha inizio dal complesso benedettino dell’abbazia di Santa Croce in Sassovivo (42.956889667967815, 12.76238837269928). L’ abbazia di Santa Croce sorge a 6 Km circa dal centro di Foligno, ad un’altitudine di 565 m asl. alle pendici del monte Serrone. La strada, dapprima asfaltata diventa una carrareccia che al primo tornante, dopo l’area picnic, occorre lasciare per inoltrarsi, a dx, in un bosco di querce secolari che si segue, seguendo i segni bianco/rossi, fino ad un ampio spazio (campo lungo) e da qui si imbocca un sentiero immersi in un bosco fino ad incrociare la s.s. val di Chienti. Attraversata la strada si raggiunge l’abitato di Pale con le sue caratteristiche cascate e l’eremo di S.M. Giacobbe incastonato nella roccia. Al centro della piazzetta del castello parte un sentiero che in breve porta a Ponte s. Lucia e da qui seguendo il corso del fiume Menotre raggiunge dapprima la frazione di Scopoli (raccomandata la visita alla monumentale fontana-abbeveratoio) e successivamente il caratteristico abitato di Rasiglia.

Attrezzatura e abbigliamento necessari

Nello zaino non devono mancare: una bottiglia d’acqua, poiché nel tragitto non è sempre possibile approvvigionarsi, un cappello, giacca a vento, tutto ciò che si ritiene indispensabile a livello personale, ricordando di non appesantire inutilmente lo zaino. Indispensabili le calzature da trekking. 

Download file: Sassovivo-rasiglia.gpx

Il percorso si snoda tra le acque calme e tumultuose lungo la valle dell’Altolina scavata dal fiume Menotre. L’abbondanza d’acqua ha portato allo sviluppo della manifattura laniera e dei mulini per il grano, mentre in tempi successivi ha permesso lo sviluppo di cartiere, attive e conosciute fin dall’inizio del XIV secolo.
La produzione di carta di alta qualità a Pale è continuata fino al XX secolo.
Nella valle è possibile svolgere anche diverse attività sportive, dal trekking all’arrampicata.

Abbazia di Santa Croce: è un monastero benedettino immerso in un antico bosco di querce. Si trova ad un’altitudine di 565 m su uno sperone roccioso ai piedi del Monte Serrone. L’abbazia fu fondata intorno al 1070. I principali punti di interesse comprendono:

  • Il chiostro romanico (1229).
  • Il monastero, con l’affresco dell’Ultima Cena (1595)
  • Il “Cammino dell’Abate”: un percorso all’interno di boschi di querce, ginepri e pini d’Aleppo.

Fonti di Sassovivo: la rinomata acqua minerale delle sorgenti di Sassovivo sgorga dalla roccia all’interno della “Grotta dell’Orso” (565 metri sul livello del mare).

Pale: Cascate del Menotre e Parco dell’Altolina

Il piccolo fiume Menotre nasce a circa 30 km a est di Foligno. A Pale, precipita per 300 metri in profondità attraverso la gola dell’Altolina, con diverse cascate.

Da non perdere l’eremo di Santa Maria Giacobbe. Prima di entrare nella chiesa, mettete il piede nell’impronta impressa sulla roccia all’inizio del sentiero: si crede che sia l’impronta lasciata da Santa Maria Giacobbe. L’eremo di Santa Maria Giacobbe è una piccola chiesa con annesso eremo costruita nella seconda metà del XIII secolo in una grotta a mezza costa di Pale.

Rasiglia: il paese dei ruscelli, tra case e botteghe artigiane immerse in ruscelli e rivoli di acqua limpide che confluiscono poi in una vasca “la peschiera”. Il santuario di Madonna delle Grazie sul greto del fosso terminare rappresenta uno dei santuari terapeutici più importanti della zona.

Santuario della Madonna delle Grazie: si trova a circa 500 metri dal paese di Rasiglia. Fu fondato nel 1450 e rappresenta uno dei più importanti santuari terapeutici della zona.  

Piatti tipici della migliore tradizione umbra come l’agnello arrosto, la frittata al tartufo e la bruschetta condita con EVO.

Si consiglia di assaggiare i primi piatti a base di zuppe di farro, cicerchia, lenticchie e tagliatelle al tartufo, e dolci tipici come la rocciata ed i tozzetti inzuppati in un buon sagrantino rosso di Montefalco.      

La città di Foligno e il territorio limitrofo dispongono di una variegata offerta in termini di alloggi.

Agosto montefalchese: il suggestivo borgo di Montefalco ospita ogni anno nel mese di agosto un evento legato alla storia e alle tradizioni locali con musica, spettacoli e rievocazioni storiche nelle sue strade e piazze.

Festa di Scienza e Filosofia:  è un evento annuale che si tiene in aprile a Foligno finalizzato alla promozione della cultura scientifica tra i cittadini di tutte le età.

 Link utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *